Non hai ancora prenotato le vacanze? Nessun problema!

C’è chi preferisce le vette, chi non rinuncia alle spiagge, chi visita i laghi e chi esplora le città d’arte. Per tutti abbiamo trovato delle mete originali e “made in Italy”, dove trascorrere un’ora, un weekend o, magari, molto di più.

Sei alla ricerca di qualche idea per trascorrere le tue ferie, ma non vorresti andare troppo lontano? Oggi ti portiamo in alcuni dei nostri posti preferiti, lontano dai percorsi più battuti, alla scoperta del patrimonio naturale e culturale della penisola. Sei un tipo da spiaggia, da montagna, da lago o da città? Abbiamo una proposta per ogni genere di vacanza. Allaccia le cinture, si parte!

In montagna: dove nascono i vini altoatesini

Poco distante da Bolzano, nella val di Funes, c’è il villaggio di Santa Maddalena, poggiato su un colle tondeggiante rivestito di vigneti. Basta voltarsi per avere uno dei colpi d’occhio più mozzafiato delle Alpi, le vette dolomitiche delle Odle. Impossibile non estrarre la macchina fotografica. Vale il viaggio anche solamente la chiesa del villaggio, architettura in stile romanico risalente al XIII secolo, ricca di affreschi molto antichi all’interno. Qui si coltivano vigneti considerati tra i migliori dell’Alto Adige, quindi preparati a una gita enogastronomica. Da Santa Maddalena partono notevoli passeggiate, come quelle sul sentiero delle Malghe 2000 oppure alle Malghe Verseller, Pfoitalm e Uwaldalm, ma anche le escursioni in bicicletta sul sentiero Talblickweg o il sentiero panoramico della Valle di Casies, adatto anche ai bambini.

Al lago: archeologia subacquea in un antico vulcano

Il più grande lago vulcanico in Europa è anche uno dei più puliti specchi d’acqua dolce d’Italia. Il lago di Bolsena, in provincia di Viterbo, a pochi chilometri dal monte Amiata, si è formato 300mila anni fa, e costituisce uno straordinario habitat per le specie animali e vegetali, uno scrigno di biodiversità. Ma una delle curiosità più interessanti riguarda la sua storia: per capire di cosa parliamo occorre indossare una muta da sub ed esplorare i fondali trasparenti del lago. Sepolto nell’acqua turchese ci sono il “Gran Carro”, un reperto archeologico, e altri resti di un villaggio Villanoviano dal fascino misterioso, segno di una civiltà pre-etrusca, che risale all’Età del Ferro. Una piccola Atlantide, meta ideale per gli amanti del diving.

Al mare: un mondo “Turchino” tra arance e ginestre

Siamo a Chieti, e precisamente a Marina di San Vito Chietino, un angolo di Abruzzo molto apprezzato dagli amanti dello snorkeling e dai sub. In questa zona si possono trovare sia spiagge di sabbia finissima che di ciottoli, sovrastate dalle grandi rupi di arenaria. Vale la pena di fare un giro nei dintorni, sulla costa per ammirare il “Promontorio del Turchino”, così chiamato per la colorazione delle sue acque che riprende i cromatismi del cielo. Per non parlare del suggestivo “Trabocco del Turchino”: una ingegnosa “macchina da pesca” le cui origini sembrerebbero risalire al XVII secolo. Un luogo magico, in cui aleggia il fantasma di Gabriele D’Annunzio. Tra aranceti e ginestre, alle spalle del promontorio è possibile fare visita all’eremo dove amava trascorrere lunghi periodi, rapito dalla bellezza di questi luoghi.

In città: un’insolita verde Milano

Abbiamo appositamente cercato, nella città che maggiormente simboleggia, in Italia, il volto urbano e contemporaneo, tra grattacieli e strutture high tech, una dimensione diversa, un angolo verde dove il tempo è sospeso e regna la quiete. Consigliamo di andare in via Francesco Sforza, di fronte all’Università Statale di Milano e a fianco dell’Ospedale Maggiore, e varcare l’ingresso del Giardino della Guastalla. È uno dei più piccoli di Milano, conta solo 12.000 mq di superficie, ma è il più antico giardino pubblico della città, dal momento che risale al 1500. Al suo interno si possono ammirare una peschiera barocca, un’edicola seicentesca che contiene un gruppo raffigurante la “Maddalena assistita dagli angeli”, un tempietto neoclassico opera di Luigi Cagnola, viali, fontane e tanto verde.

Quale meta hai cerchiato sulla mappa delle prossime vacanze?

Condividi su:

Lascia un commento